Per notizie
e aggiornamenti
sulle attività
dell'associazione
è online il nuovo
blog degli Amici
della Scala.
Chi Siamo


ASSOCIAZIONE AMICI DELLA SCALA

 

L’Associazione Amici della Scala ha lo scopo di collaborare, in appoggio esterno e senza alcuna interferenza, con la Fondazione Teatro alla Scala.
Ecco in sintesi le iniziative di maggior rilievo.

 

Nasce nel 1983 “Prima delle prime”: una serie di conferenze-spettacolo dedicate a tutte le opere e balletti in cartellone per l’intera durata della stagione in corso al Teatro alla Scala.

 

Quattro rettori delle più importanti Università milanesi si sono riuniti dando vita a una pubblicazione semestrale: “Musica e Teatro” che premiava le tesi di laurea migliori. Successivamente altre Università italiane si sono unite all’iniziativa.

 

Realizzazione dell’opera di salvaguardia dell’archivio dei bozzetti e figurini del Teatro alla Scala (oltre 15.000 lavori di De Chirico, Savinio, Vellani Marchi, Buzzati etc...). Nello specifico restauro, inventario, catalogazione, sistemazione fisica.

 

10 proposte per un Centro Servizi da realizzare nei sotterranei del Castello Sforzesco di Milano, elaborate da gruppi di studiosi coordinati dal professor Marco Albini del Politecnico di Milano. Da ciò sono nati: una mostra, la disponibilità dell’assessorato alla cultura della Regione Lombardia a fondare l’“Associazione per i  musei lombardi” e un libro-documento donato al Comune.

 

Collane editoriali sullo spettacolo del Teatro alla Scala; 89 titoli tra i quali anche alcuni di carattere giuridico-economico.

 

Anno per anno, presentazioni, conferenze, conversazioni sulle produzioni d’opera e di balletto al Teatro alla Scala. Presentazioni di edizioni musicali e librarie.

 

Premio Internazionale Mecenate, dedicato ai mecenati che hanno devoluto importanti donazioni. Ai premiati dono di opere d’arte di artisti contemporanei, poi raccolti in un libro-catalogo.


L’Associazione ha svolto un servizio di pubbliche relazioni e organizzato incontri con giornalisti e critici musicali, per dare sui giornali maggior rilievo alle notizie riguardanti l’attività scaligera.

 

Sostegno alla Biblioteca del Conservatorio “G. Verdi” di Milano (destinazione alla stessa del fondo Mascarello: oltre 50 manoscritti musicali di grandi compositori tra cui Bellini, Cimarosa, Donizetti, Giordano, Mercadante, Paisiello, Pergolesi, Scarlatti).

 

Per celebrare la riapertura della Scala nel 2004, gli Amici della Scala hanno ottenuto in dono da 250 istituzioni artistiche e culturali tra le più significative del mondo (teatri, musei, università, conservatori, festival, orchestre) la dedica ufficiale delle loro produzioni appositamente realizzate. Per due anni, in molte città di diverse nazioni, hanno cantato, suonato e ballato in omaggio alla Scala. È nato un libro.

 

È online il nostro blog che, affiancato al sito istituzionale, promuoverà le nostre attività e che si irradierà sui social network Facebook (per far conoscere il nostro nome e fungere da cassa di risonanza, aperto a un gran numero di persone), Twitter (utilizzato in prevalenza dai professionisti della comunicazione) e Youtube (che gli Amici della Scala useranno per depositare su Internet i filmati dei loro eventi).

 

Tutto fa capo sia al nostro sito www.amicidellascala.it che al Portale “Together for culture” e viene annunciato nella nostra Newsletter mensile. In tutti i nostri luoghi di comunicazione si seguirà un progetto centrale coerente.